Case attraverso i secoli - Storia del design per la casa, stile tudor, georgiano, vittoriano, edoardiano

case-attraverso-i-sei-casa-tudor Getty Images

Nel corso dei secoli il cambiamento del design della casa ha rispecchiato le nuove tendenze, soprattutto in cucina. Scopri di più sulle nostre case attraverso i secoli.

SUL DAVANTI



Tudor 1485-1603 (sopra)



A graticcio con canniccio dipinto di bianco e pareti dipinte a intonaco, queste case avevano tetti spioventi e finestre a battente con piccoli vetri, spesso con un molo a strapiombo sulla strada.

Sono l'essenza stessa della Olde England, graziose dimore bianche e nere con un grande carattere e secoli di storia immersi nelle loro mura. Le case dei Tudor furono costruite in un'epoca in cui gli inglesi si sentivano meno timorosi per la loro sicurezza, quindi le case erano più rivolte verso l'esterno rispetto al Medioevo, quando la necessità di difendere la famiglia portava a molte case rivolte verso l'interno su un cortile centrale.



Il vetro era l'ultima innovazione, ma era costoso da produrre, quindi veniva trasformato in minuscole lastre, tenute insieme da strisce di piombo. Più eri ricco, più finestre aveva la tua casa ed era pratica comune portarle con te quando cambiavi casa.

La disposizione delle case Tudor era dettata dall'attività di famiglia – che si trattasse di agricoltura, sartoria o lavoro d'ufficio – essendo al piano terra. Lo spazio abitativo era al primo piano – chiamato The Hall – ed era qui che la famiglia mangiava, si divertiva e si riuniva. Se la casa avesse un camino piuttosto che un semplice buco nel tetto, le camere da letto potrebbero essere costruite più in alto della casa.

Il ruolo della cucina



La padrona di casa era impegnata in cucina, a stagionare e salare la carne per conservarla, a preparare birra per la famiglia (l'acqua non era potabile) e a cuocere il pane in un forno in muratura, che era attaccato al fuoco aperto. Ai tempi dei Tudor, la cucina era passata dall'essere il cuore della casa, a uno spazio separato, a volte anche in un edificio separato, che era in gran parte appannaggio della laboriosa casalinga.

L'abbassamento del rango della cucina è filtrato dall'aristocrazia – anche dallo stesso Enrico VIII – che disapprovava gli odori di cucina e temeva il rischio di incendi, perciò alloggio e cucina erano posti il ​​più distanti possibile.

firenze henderson brady gruppo

Tipicamente Tudor:

  • Layout a forma di E o H
  • Porte e finestre alte e strette
  • Pavimenti sporchi o in legno, ricoperti di stuoie di giunco
  • Piccolo giardino di erbe aromatiche, principalmente per uso medicinale
  • Simboli decorativi di rosa Tudor, cardo e fleur de lys
  • Mobili in rovere con letto a baldacchino

    MATTONE NUDO

    Le case giacobine presentano spesso semplici facciate esterne con finestre a bifora

    Fotografie: Gap Interiors/Colin Poole; Alamy; Getty; Gwenan Murray/Ewa Stock; Lu Jeffery/Ewa Stock

    Stuart/Jacobean 1604-1713

    Case con facciata piatta, in mattoni a vista, con finestre a ghigliottina, spesso costruite con terrazze in classico stile palladiano e con tocchi gotici.

    All'inizio di questo periodo, la vita dell'Ordine Medio – antesignana del ceto medio – era incentrata su The Hall, la stanza al primo piano dove l'intera famiglia si riuniva per cenare, socializzare e intrattenere gli ospiti. Ma dal 1660, il parlatorio e la sala da pranzo divennero i principali spazi abitativi della famiglia, segnando un cambiamento nel modo di vivere le famiglie con una maggiore separazione tra la famiglia, i loro servitori, apprendisti e altri dipendenti.

    La guerra civile negli anni '40 e '50 e il grande incendio di Londra nel 1666 hanno entrambi avuto un notevole effetto sul modo in cui le case britanniche si sono evolute. Dopo che l'incendio ha distrutto 13.200 case in legno in tutta la capitale in quattro giorni, il Parlamento ha decretato che le case devono essere costruite in mattoni. E la guerra mandò molti gentiluomini nel continente per fuggire dai combattimenti o poi per seguire Carlo II in esilio, dove furono fortemente influenzati dall'architettura francese, olandese e italiana, portando a una raffica di edifici che riflettevano le ultime tendenze europee e che infine filtrato dalla nobiltà alle masse.

    Anche la vita a Londra era sempre più cosmopolita, con mercanti che commerciavano fino all'India, all'Estremo Oriente e all'Africa. L'economia stava crescendo e il Medio Oriente stava prosperando, ed era in grado di acquistare oggetti costosi dall'estero come argento, porcellana, tessuti colorati, specchi e orologi per adornare le loro case.

    Fu durante questo periodo che la servitù - la maggior parte delle famiglie ne aveva almeno una o due che potevano includere parenti non sposate - venivano sistemate in stanze più piccole nella parte superiore della casa

    Il ruolo della cucina

    L'arrivo del carbone alla fine del XVII secolo ha portato a una rivoluzione in cucina, portando a griglie in ferro battuto per contenere pentole e bollitori in ferro, e successivamente a uno spiedo per arrostire la carne. Il cibo rappresentava i quattro quinti del budget della maggior parte delle famiglie e la casalinga doveva essere parsimoniosa e attenta, quindi la zuppa di base continuava a gorgogliare sul fuoco, pronta per essere aggiunta agli avanzi, ai cereali ea qualche verdura.

    Gli ingredienti facilmente disponibili includevano ostriche, montone, coniglio, fagiano, piccione e pernice. Il 1640 vide l'introduzione dello zucchero dai Caraibi, banane e ananas, e nel 1662 Carlo II sposò la principessa portoghese, Caterina di Braganza, che diede inizio alla moda del bere il tè.

    Quindi Stuart:

    • Layout simmetrico
    • Pannellatura in legno
    • Caminetti elaborati
    • Soffitti riccamente intonacati
    • Salotti spaziosi
    • Piccole stanze in cima alla casa per la servitù
    • Influenza europea nelle case dei ricchi
    • Inizio del trend per le villette a schiera

      BEN EQUILIBRATO

      Getty Images

      1714-1820 georgiano

      Il design è tutto basato sulla proporzione e l'equilibrio, con finestre a ghigliottina, cornici in stucco e spesso una finestra rettangolare o sopraluce sopra la porta d'ingresso a sei ante.

      Armonia, simmetria, ariosità, spazio e luce… queste erano le parole d'ordine per le case georgiane. Le influenze provenivano da famiglie benestanti che partecipavano al Grand Tour of Europe e architetti come Inigo Jones si ispiravano allo stile classico palladiano.

      Le camere erano di dimensioni generose, con le importanti stanze di intrattenimento e familiari al primo piano sopra il rumore a livello della strada, sebbene di solito nella parte anteriore della casa. Un salotto di famiglia più accogliente sarebbe stato sul retro al primo piano, le camere da letto erano al secondo piano con domestici e 'parenti poveri' alloggiati in stanze più piccole proprio in cima alla casa, spesso al quarto piano. 'La gerarchia dell'organizzazione delle case è diventata più importante', afferma Alex Goddard, curatore del Geffrye Museum di Londra. 'I piani inferiori erano sicuramente il luogo in cui la famiglia, non la servitù, si sarebbe riunita e avrebbe vissuto.'

      Soffitti alti, schemi di colori chiari, oggetti in legno dipinto di luce e mobili delicati, tutto aggiungeva alla sensazione di spaziosità. La vernice divenne popolare perché sebbene i legni teneri venissero utilizzati poiché erano economici e versatili, non erano durevoli, quindi dovevano essere verniciati per preservarli. Il numero di finestre della casa denotava quanto fosse ricca una famiglia poiché veniva riscossa una pesante tassa sulle finestre per aiutare a finanziare l'esercito. Alcune persone parsimoniose hanno murato le finestre per evitare di pagarlo.

      Il ruolo della cucina

      La cucina era ancora tenuta separata dall'alloggio, spesso nel seminterrato, accanto a una cucina o retrocucina, oltre a una dispensa, una dispensa e un'area di stoccaggio del carbone. La fine del XVIII secolo ha visto l'introduzione della gamma di cucine, afferma la storica televisiva Lucy Worsley nel suo documentario della BBC, The History of The Home. 'È arrivato con lo sviluppo della ghisa e ha significato che con una piastra di ghisa sulla parte superiore del fuoco, le cucine sono diventate per la prima volta senza fumo'. Erano ancora il dominio della casalinga, che faceva tesoro delle sue pentole di rame in stile francese, che venivano spesso regalate alle donne da aspiranti corteggiatori.

      Splendida Georgiana:

      • Ampi assi del pavimento lavati e oliati
      • Finestre più piccole verso la parte superiore della casa
      • Tappeti spostati dalle pareti al pavimento
      • Edifici di migliore qualità con maggiore comfort
      • Il camino è sempre stato il punto focale principale della stanza

        CASE CONVENIENTI

        Getty Images

        Vittoriano 1837-1901

        Finestre a bovindo, mattoni colorati, travi e tetti decorati e un giardino davanti e dietro

        I 64 anni del regno della regina Vittoria videro enormi cambiamenti negli alloggi domestici. La rivoluzione industriale ha portato con sé la produzione di massa e ha fatto sì che molte più persone potessero permettersi di acquistare le proprie case o aggiornarle più spesso, soprattutto alla fine del 1800 e all'inizio del 1900. Era l'epoca della borghesia emergente che si trasferì in consistenti case unifamiliari, semi oa schiera, ancora abbastanza grandi da ospitare un paio di domestici, con ampi saloni dai soffitti alti, elaborate cornici modanate in gesso e caminetti in marmo.

        Una tipica villa vittoriana conterrebbe 12 o più stanze, comprese le camere da letto con spogliatoi adiacenti e ampi saloni con soffitti alti, elaborate cornici in gesso modellato e caminetti in marmo.

        C'era una specializzazione molto maggiore della funzione della stanza: il soggiorno o il salotto erano per le donne, mentre la sala da pranzo o lo studio erano appannaggio degli uomini di casa. L'arredamento rifletterebbe questo: mobili più pesanti e più scuri e decorazioni più scure per le stanze 'maschili', mentre il salotto sarebbe molto più leggero e luminoso. 'L'epoca vittoriana era l'apice del disordine', afferma Alex Goddard, curatore del Geffrye Museum di Londra. 'L'intera casa sarebbe riccamente decorata con motivi diversi su carta da parati, tappeti e tappezzeria per creare un effetto molto lussuoso'.

        Verso la fine di questo periodo la maggior parte delle case della classe media aveva gabinetti con sciacquone, illuminazione a gas, servizi igienici interni e caminetti a carbone. Il vetro piatto a buon mercato inventato nel 1832 e l'abrogazione della tassa sulle finestre nel 1851, incoraggiarono le grandi finestre nelle nuove case.

        Il ruolo della cucina

        Invece che negli scantinati, la cucina era ora solitamente situata al piano terra sul retro della casa, spesso con un retrocucina attaccato per fare il bucato. La crescita della produzione ha portato con sé ogni sorta di nuovi gadget da cucina, come la ghiacciaia: un armadio di legno, isolato con sughero, rivestito di stagno o zinco e riempito di ghiaccio.

        Molto vittoriano:

        • Soffitti alti con cornicioni decorati
        • Finestre a bovindo
        • Servizi igienici interni
        • Vetrate in porte e finestre
        • Decorazioni e arredi con motivi pesanti
        • Rotaie dado di media altezza

          AMBIENTE SUBURBANO

          GAP INTERIORS/COLIN POOLE, ALAMY, GETTY, GWENAN MURRAY/EWA STOCK, LU JEFFERY/EWA STOCK

          Edoardiano 1901 – 1910

          Più squallide degli edifici vittoriani, la maggior parte era situata su un terreno più ampio ed era alta due piani, con balconi, portici e verande in legno riccamente intagliati e dipinti.

          Questo era il periodo di massimo splendore della nuova classe media e c'era una grande richiesta di case ariose e più grandi, molte costruite in nuovi sobborghi nelle periferie verdeggianti delle città e dei paesi vicino alle nuove linee ferroviarie. Le case più grandi non richiedevano più gli alloggi della servitù sulla scia della prima guerra mondiale, quando il personale domestico era passato al lavoro in fabbrica.

          Dopo la pesantezza, il disordine e i colori scuri degli interni vittoriani, le persone volevano che le loro case fossero meno formali. Le donne avevano bisogno di essere liberate da cianfrusaglie ornate, polverose e laboriose, così è nato lo stile edoardiano - ed è stata una boccata d'aria fresca.

          Trame più ampie significavano che i corridoi venivano aperti, i soggiorni erano progettati con finestre alle due estremità e le porte-finestre che si aprivano sul giardino erano molto popolari.

          Questo fu anche il periodo in cui il movimento Arts and Crafts era al suo apice, guidato dal designer tessile idealista William Morris come contraccolpo contro la meccanizzazione e la produzione di massa della rivoluzione industriale. Molte persone sono state disturbate dalla velocità della rivoluzione, quindi hanno trovato conforto in un ritorno a dettagli e oggetti ben realizzati intorno a loro.

          Il ruolo della cucina

          La maggior parte delle famiglie della classe media ha abbracciato i nuovi dispositivi per risparmiare lavoro, come le prime lavatrici e gli aspirapolvere. Il primo frigorifero elettrico è stato inventato, ma è stato visto solo nelle case più ricche: la maggior parte delle casalinghe usava ancora uno scaffale di marmo nella propria dispensa.

          Elegante Edwardiana:

          • Pavimenti in parquet
          • Ampi corridoi
          • Camere a doppio aspetto
          • All'interno del bagno e della toilette
          • Illuminazione a gas

            VIVERE COMPATTO

            Getty Images

            Semi anni '30

            La casa tipica era un semi-costruito in stile retrò Tudorbethan, a graticcio con un misto di mattoni rossi e ciottoli o con aree di mattoni a spina di pesce, e con finestre a vetri piombati a forma di diamante.

            L'ideale della famiglia degli anni '30 era un rifugio sicuro dalla città dove potevano crescere i loro figli all'aria aperta e fare esercizio a portata di mano, spesso in sviluppi suburbani fuori città e città esistenti. Le auto e il pendolarismo hanno giocato un ruolo crescente.

            decorazione della tavola di San Valentino

            Le case erano più piccole di quelle costruite prima del 1914, con una stanza davanti a un corridoio, un secondo soggiorno sul retro e una cucina. Al piano superiore ci sarebbero due grandi camere da letto, una terza stanza molto più piccola e un bagno e una toilette. I bungalow classici o in stile chalet con camere da letto sul tetto erano popolari.

            Le influenze Art Deco raggiunsero il picco nei primi anni '30, declinando nel 1939, con audaci forme geometriche, colori ricchi e ornamenti sontuosi.

            Il ruolo della cucina

            Le cucine si sono ridotte di dimensioni, quindi dovevano essere efficienti in termini di spazio, con un fornello, una lavatrice anticipata, un ripostiglio e un tavolo schiacciati. Un armadio-dispensa con ripiani, armadietti, cassetti e uno sportello ribaltabile per fornire più superficie di lavoro, è stato un oggetto popolare. Le pareti, in particolare intorno al fornello, sarebbero state in parte piastrellate e dipinte con una lucentezza lavabile, così come il soffitto. Anche se un terzo delle case britanniche ora aveva l'elettricità, costava 10 volte quella odierna, quindi il gas era una scelta migliore per cucinare.

            Completamente anni '30:

            • Stile monocromatico 'moderno'
            • Porte anteriori con vetro principale e colorato nel terzo superiore
            • Disegni di Clarice Cliff
            • Parquet a spina di pesce rovere moro
            • Tanta plastica, vetro e cromature

              GOING OPEN-PLAN

              Le case e i bungalow tradizionali e rettangolari avevano grandi finestre panoramiche e mattoni di base, spesso in seguito sassosi

              Fotografie: Gap Interiors/Colin Poole; Alamy; Immagini di Getty; Gwenan Murray/Ewa Stock; Lu Jeffery/Ewa Stock

              edifici anni '50

              Case tradizionali, rettangolari, molte con tetti piani, grandi finestre panoramiche e semplici mattoni di base, non un periodo iconico per l'architettura domestica.

              Centinaia di migliaia di case erano state distrutte dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, innescando un boom edilizio alla fine degli anni '40 e '50. Molte delle case risultanti erano scatole: seminterrati tradizionali, appartamenti a molti piani, sviluppi di città giardino. Ma erano tempi ottimisti: alla fine del decennio gli stipendi erano quasi raddoppiati da £ 6 a 11 a settimana, i regolamenti sull'acquisto a rate erano stati allentati e molti britannici avevano davvero 'mai avuto così bene'.

              Gli interni erano semplici aree a pianta aperta come spazi abitativi e pranzo uniti sono stati visti per la prima volta negli anni '50, ma il 64% delle donne ha dichiarato a un sondaggio di Ideal Home Exhibition che voleva che la cucina fosse separata dallo spazio abitativo.

              come rifare gli armadi

              Il punto focale del soggiorno divenne la TV, che prese piede in maniera massiccia dopo l'incoronazione della regina nel 1953. Questa era vide anche lo sviluppo di carrelli, divani letto, assi da stiro e mobili impilabili: tutte invenzioni salvaspazio. Negli anni del dopoguerra, gli anni '50 sono stati il ​​decennio che ha trasformato il panorama sociale e culturale della Gran Bretagna: è stata davvero l'era del consumatore.

              Il ruolo della cucina

              Gli Stati Uniti hanno avuto la maggiore influenza sulle cucine britanniche negli anni '50. Le unità dipinte e i mobili indipendenti sono stati sostituiti dalla cucina attrezzata, insieme a dispositivi che consentono di risparmiare manodopera come il miscelatore Kenwood, i bollitori elettrici, i tostapane e le griglie a livello degli occhi. Una cucina componibile è stata vista come il massimo della modernità e i designer hanno immaginato il Triangolo d'Oro, la classica disposizione di lavello, fornelli e frigorifero che si diceva riducesse i movimenti della casalinga media del 90%.

              Stile anni '50:

              • I colori del gelato
              • Tappeti su misura
              • Pareti e soffitti semplici senza abbellimenti
              • Mobili multiuso

                ECO MINIMALISMO

                Getty Images

                2000 – ora

                Scegli e mescola stili che incorporano il design tradizionale con tecniche moderne.

                Gli anni 2000 hanno visto una rivoluzione nel design e nella funzione mentre ci adattiamo alle nostre mutevoli esigenze, ai vincoli economici e all'eco-consapevolezza. La sala da pranzo è ormai praticamente inesistente in molte case, sostituita dal soggiorno a pianta aperta. Molte case sono definite da aree sociali piuttosto che da corridoi, cucine e sale da pranzo designate. 'Le case, in particolare le proprietà più vecchie, sono state progettate pensando alla vita delle persone, con stanze prestabilite per determinate attività, ma con il cambiamento dei tempi, cambia anche ciò che vogliamo dalle nostre case', afferma Simon Hamilton, direttore del British Institute of Interior Design. 'Con i nostri stili di vita sempre più frenetici, comodità e socialità sono diventate fondamentali, motivo per cui le cucine e le sale giochi sono cresciute in popolarità'.

                Lo spazio è prezioso; la casa di nuova costruzione media nel Regno Unito è grande la metà di una nuova costruzione comparativa in Danimarca, quindi mobili e altri oggetti devono essere facilmente smontati e multifunzionali.

                Il ruolo della cucina

                Lontani dai tempi in cui la cucina era vista dagli aristocratici come una stanza di basso rango piena di odori sgradevoli di cucina, la rivoluzione gastronomica e i nostri stili di vita mutevoli significano che ora vogliamo intrattenere i nostri ospiti e dimostrare le nostre abilità culinarie allo stesso tempo e nello stesso spazio. Ora è la stanza in cui spendiamo più soldi: una nuovissima cucina componibile high-tech è lo status symbol per eccellenza. Come dice la storica televisiva Lucy Worsley nel suo documentario della BBC, The History of the Home: 'La cucina è ora di nuovo il fulcro della vita familiare - è tornata al suo giusto posto nel cuore della casa'.

                Stile del 21° secolo:

                • Spazi abitativi multitasking
                • Arredamento neutro con pareti colorate
                • Finestre e porte a libro per collegare cucina e giardino
                • Spazio abitativo più piccolo ma più bagni

                  Rimanendo fedele al periodo

                  Mantieni viva l'essenza della tua casa d'epoca con i colori giusti, afferma Sarah Cole, direttrice di Farrow & Ball.

                  georgiano

                  I colori erano principalmente tenui e sofisticati e all'inizio erano popolari colori come Lichen, Pigeon e Picture Gallery Red, di solito con una lucentezza.

                  'Con l'evoluzione dello stile, i colori sono diventati più chiari con rosa scuro, grigi tenui e verdi e blu più puliti, oltre all'introduzione di gialli forti, tutti con una finitura opaca', afferma Sarah.

                  vittoriano

                  All'inizio di questo periodo, il rosa pallido più chiaro era ancora di moda, insieme ai bianchi iridescenti, ma i colori più scuri erano ancora usati nelle sale da pranzo e nelle biblioteche maschili.

                  'Più tardi è arrivata una tavolozza molto più forte, dominata dai classici blu vittoriani, verdi intensi e gialli solari. Tuttavia, entro la fine del secolo i colori sono tornati ad essere più tenui,' dice Sarah.

                  È probabile che le case costruite dopo il 1840 abbiano avuto carta da parati prodotta in serie dal battiscopa alla ringhiera dado. Damaschi, grandi motivi floreali, uccelli e animali erano tutti popolari e gli stucchi decorati su soffitti, rose e cornici erano solitamente colorati in neutri.

                  edoardiano

                  I colori erano più freschi con blu pastello, verdi e rosa, tutti usati per creare un senso di spazio. Nelle sale da pranzo sono state utilizzate tonalità più ricche. Soodwork, cornici e soffitti sono stati spesso dipinti utilizzando nuovi bianchi brillanti.

                  Traccia la storia della tua casa

                  Scoprire il modo in cui la tua casa è cambiata nel corso degli anni e alcuni degli occupanti precedenti può essere avvincente e gratificante.

                  • Inizia chiedendo ai vicini, in particolare ai residenti di lunga data della zona
                  • Visita musei
                  • Guarda i titoli di proprietà della tua casa
                  • Ricerca archivi locali
                  • Archon Direct per rintracciare fonti di informazioni storiche come registri elettorali, titoli di proprietà e documenti immobiliari situati nella tua zona.
                  • Prova il Registro Nazionale o gli Archivi Nazionali (TNA).
                  • Verificare con gli agenti immobiliari i vecchi cataloghi di vendita e le fotografie.
                  • Prova la tua biblioteca o il centro studi locale per vecchi titoli di proprietà, foto o cataloghi di vendita.
                  • Gli archivi della contea spesso producono opuscoli informativi o hanno siti Web su come tracciare la storia attraverso le loro risorse.

                    Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io Pubblicità - Continua a leggere sotto

                    Articoli Interessanti