39 designer neri parlano di essere neri nel settore del design e cosa deve cambiare

Alice Morgan

Cosa ha a che fare il colore della pelle con la realizzazione di grandi opere d'arte? Assolutamente niente. Eppure, per anni, gli artisti e i designer neri hanno lottato per avere gli occhi sul loro lavoro, sono stati ignorati per le opportunità e hanno fatto sentire come se non ci fosse un posto per loro al tavolo. Associazioni come il Gilda di artisti e designer neri (BADG) e Rete di designer d'interni neri (BIDN) sono stati incaricati di promuovere i creativi neri e promuovere un senso di comunità quando l'industria del design più ampia non lo faceva. Poiché le recenti proteste derivanti dagli omicidi di George Floyd, Breonna Taylor e altri per mano della polizia hanno portato il paese a fare i conti con il suo razzismo sistemico, molti nella comunità del design hanno parlato di come esiste questo razzismo lì e di quanto gli alleati bianchi non capiscono.

Nel tentativo di promuovere una migliore comprensione, abbiamo chiesto a oltre 30 designer neri di condividere le loro esperienze, sentimenti e pensieri sullo stato attuale del mondo del design. Ecco cosa avevano da dire.



Nota: le risposte sono state condensate per chiarezza; enfasi aggiunta.




Mikel Welch

John Bessler

'Avere successo nel settore del design di fascia alta è un mondo difficile da navigare. Ho sempre voluto essere giudicata per il mio lavoro, e non per il colore della mia pelle. I mentori mi hanno detto che se la mia attività avrà un aspetto più completo, sarà più appetibile per tutto il pubblico. Ciò ha spesso significato assumere un rapporto più ampio di dipendenti non neri, in modo da non spaventare potenziali clienti o aziende che volevano lavorare con me, ma potrebbero pensare che il mio marchio sia per 'solo neri'. Ovviamente, in quanto uomo di colore, questa narrazione è molto frustrante. Se un designer di colori ha tutti i dipendenti neri, l'azienda è considerata un'azienda nera e quindi non diversificata. D'altra parte, un designer che non è di colore può avere un'attività senza rappresentazione del nero e nessuno dice nulla. Questa è l'impostazione predefinita. A volte può sembrare una battaglia in salita.'

'Partecipo a diverse case di spettacolo di designer e ho avuto alcuni incontri difficili. Più di una volta i partecipanti allo show house mi hanno chiesto casualmente dove fosse il bagno, presumendo che fossi un dipendente piuttosto che uno dei designer. Recentemente ho partecipato a un evento molto noto a New York dove ho disegnato una vignetta e un donatore è venuto da me per chiedermi un altro bicchiere di champagne. Tutte queste cose racchiuse in una sono estremamente frustranti, ma come designer neri, ci è stato insegnato a continuare a sorridere, essere gentili e tenerlo per te se vuoi avere successo e non finire in una lista nera. Anche scrivere questo in questo momento è spaventoso perché sento che potrebbe potenzialmente accadere.'

Un designer della prossima ondata del 2020, Mikel Welch è anche una star televisiva; è attualmente co-conduttore di Murder House Flip su Quibi ed ex conduttore di Trading Spaces. Ma prima del suo debutto televisivo, Welch pubblicizzava i suoi servizi di design su Craigslist, facendo pagare ai clienti meno di un mobile.




Sheila Bridges

Patrick McMullanGetty Images

'Vorrei che la gente sapesse che ho lavorato con passione nel settore del design negli ultimi trent'anni, ma il mio incarico non è sempre stato facile. Spero che il mio lavoro di progettazione abbia ispirato i tuoi lettori (indipendentemente dalla razza) ma, cosa più importante, Credo che il mio lavoro abbia aiutato ad aprire le porte ad altri designer neri che mi hanno visto presto sulle tue pagine e hanno deciso che anche loro avrebbero potuto diventare un designer d'interni e che forse le cose potrebbero essere più facili per loro. Per me è un'eredità importante da lasciare”.

Courtney McLeod

'Sapevo da tutta la vita che dovevo essere due volte più bravo per essere riconosciuto per i miei successi e avere accesso alle opportunità. La mia carriera nel design non è stata diversa. Ogni designer nero deve essere due volte più bravo. Ma stai facendo la domanda sbagliata. Il problema non è la mancanza di consapevolezza delle esperienze e degli oneri aggiuntivi dell'essere una persona di colore in questo settore. Siamo tutti blu in faccia per avertelo detto. Il problema è che i bianchi lo sanno e non hanno la volontà di cambiarlo davvero. La domanda che dovresti porre: cosa stanno facendo per rifare la struttura che hanno creato in un vero e proprio campo di gioco rispetto al semplice stroncare i bordi? Mi piacerebbe vedere quell'articolo.'



Courtney McLeod, nativa di New Orleans, è la fondatrice di La destra incontra il design degli interni di sinistra, uno studio a servizio completo situato a New York City. Il nome del suo studio deriva dal suo stile colorato, guidato dai viaggi (a destra) più un background in finanza (a sinistra).


Corey Damen Jenkins

Fotografia di Brad Ziegler

'Una cosa che vorrei che la gente sapesse dell'essere un 'designer nero' è che non mi guardo in quel modo . Sono un designer d'interni, punto. Il colore della mia pelle non definisce il mio talento, né mi impedisce di relazionarmi o disegnare per persone di ogni ceto sociale, cultura e estrazione religiosa. Tuttavia, devo affrontare una discriminazione che i miei colleghi non potrebbero mai sognare.'

Corey Damen Jenkins è un designer di interni di fama nazionale di Detroit. Dopo aver vinto HGTV's Showdown Showdown nel 2011 con il suo design di fattoria italiana del Vecchio Mondo, si è fatto un nome con il suo stile audace, vibrante e inventivo, che spesso prende spunto dalla moda. È stato presentato come esperto di design ospite su Lo spettacolo di Rachael Ray e TV a porte aperte, nonché sulla copertina di numerose riviste di design, tra cui Bella casa.


Gail Davis

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'Ti viene insegnato fin dalla tenera età come persona di colore che devi sapere tutto di tutti, ma nessuno vuole sapere nulla di noi. Quindi, per avere una conversazione con te, ho bisogno di farti sentire a tuo agio e parlare delle cose che ti piacciono, che sono nel tuo mondo, in modo che tu mi presti attenzione e parli con me. Quando le donne nere parlano apertamente, si pensa che siamo aggressive, abbiamo una pacca sulla spalla, quando vogliamo solo avere un dialogo, per aiutare i nostri amici bianchi a capire.'

Gail Davis è il proprietario della società di design con sede nel New Jersey, Gail Davis Designs, e ospite del Prospettive di design con il podcast di Gail M Davis .


Keita Turner

Keita Turner

'Il mio pensiero immediato è la citazione di Toni Morrison: «In questo paese, americano significa bianco. Tutti gli altri devono sillabare.' In America, raramente si sente parlare di designer bianchi come designer bianchi. A volte, sento che c'è questa percezione dell'alterità o che essere un designer nero mi colloca automaticamente in una sottocultura.'

'Sì, ​​sono un designer americano di origine principalmente africana, ma ciò non significa che il mio lavoro oi progetti che faccio per tutti i miei clienti (i cui gusti variano), parlano solo dell'estetica o dell'esperienza africana o afroamericana. Se progetto una casa per un cliente con esempi incorporati di stili espressivi neri o arte e mobili africani, viene spesso etichettata come 'troppo etnica'. Ma poi girarsi e lodare il lavoro dei designer bianchi che sono stati ispirati da culture africane, afroamericane o altre culture indigene, e chiamarlo 'global chic?' Oh, e per favore, non chiamate 'esotica' l'ispirazione derivata dalle popolazioni indigene. Pur essendo afro-americano è distinto, è anche estremamente influente sulla cultura americana e globale in tutto il mondo.'

Keita Turner gestisce la sua azienda di design a servizio completo, Keita Turner Design, a New York City. Il suo background nella moda e nell'interior design ha portato anche alla sua elegante collezione di cuscini vintage e contemporanei, Livvy & Neva, che puoi acquistare Qui .


Beth Diana Smith

Beth Diana Smith

'Ho visto di tutto, dal cattivo comportamento degli showroom di design alle pubblicazioni e agli edifici di design escludendo i neri come se non esistessimo all'interno del settore. L'anno scorso ho collaborato con un altro designer per conto della Black Artists + Designers Guild e abbiamo praticamente costruito una casa completa di soggiorno, sala da pranzo, ufficio, spazio esterno, foyer e un salotto all'interno del Javits Center di New York e abbiamo sono stati collocati nella parte posteriore proprio accanto alla banchina di carico. Quello che ho imparato è che nulla è cambiato indipendentemente dall'anno o dalla carriera, l'unica cosa che è cambiata sono me e come gestisco quelle situazioni.'

'I miei pensieri sull'essere un designer nero sono semplicemente questo abbiamo le stesse (o migliori) credenziali, talento e abilità delle nostre controparti bianche, ma sappiamo che dobbiamo essere 10 volte migliori e lavorare 20 volte di più per ottenere le stesse opportunità. La mia domanda sarebbe: perché a scuole, riviste, marchi, aziende e fiere non viene chiesto come stanno lavorando con i designer neri per invertire l'esclusione storica? E qual è il loro piano d'azione sia a breve che a lungo termine?'

progettista di planimetrie gratuito

Beth Diana Smith ha trascorso oltre un decennio a lavorare nella contabilità e finanza aziendale prima di trovare la sua vera passione nel design. Oggi gestisce un'azienda a servizio completo nel New Jersey chiamata Beth Diana Smith Interior Design, dove crea interni audaci e stratificati.


Rayman Boozer

Gary GershoffGetty Images

'Come designer nero, mi distinguo in un settore culturalmente molto omogeneo. Spesso mi sento giudicato su una scala non uniforme, [come in] il mio lavoro deve essere straordinario solo per essere percepito come adeguato. Ogni volta che partecipo a un nuovo evento del settore devo giustificare ancora una volta il motivo per cui sono nella stanza. È frustrante, ma ci possono essere anche opportunità per distinguersi. Il grande design nasce da una vita di esperienze e prospettive uniche, di cui ho abbondanza. I clienti che riconoscono questa realtà del design spesso mi cercano perché vogliono raccontare una storia diversa.'

Rayman Boozer è il CEO e il principale designer di Apartment 48, un design con sede a New York ditta. Boozer è stato soprannominato 'il designer di riferimento per la consulenza sul colore' da Time Out New York. Il suo lavoro è stato presentato in Casa Bella, Elle Decor, e altro ancora.


Marie Burgos

Francesco Agostino

'Per me è importante inviare un messaggio positivo. Come stilista nero Voglio essere riconosciuto per il mio lavoro e non essere mostrato come un professionista vittimizzato a causa del colore della mia pelle. Sono un mix di geni bianchi, neri e indiani con una cultura francese e caraibica, vivo in America. Il talento e la ricchezza di artisti e designer nella mia diaspora sono infiniti. Sono benedetto dalla creatività e orgoglioso di mostrare il mio lavoro di design... La mia collezione di mobili è ispirata alla mia colorata cultura caraibica che puoi notare nell'uso di ricche finiture colorate sulla collezione di tappezzeria.'

Marie Burgos è un interior e product designer nato e cresciuto a Parigi; tuttavia, la sua famiglia viene dall'isola della Martinica. Oggi lavora sia a Los Angeles che a New York creando design che strizzano l'occhio all'architettura francese e alla cultura caraibica.


Justina Blakeney

Tappeti Loloi BADG

'Come artista visiva donna nera, il mio lavoro potrebbe non essere sempre considerato bello o addirittura considerato a causa della narrativa nel mio lavoro. Il mio lavoro è spesso ignorato anche nelle sue verità. Tuttavia, quando lo è, viene riconosciuto e considerato, viene evidenziato e apprezzato.'

Lisa Whittington è un artista multidisciplinare con sede in Georgia. Ha conseguito il dottorato presso l'Università della Georgia e ha iniziato a insegnare corsi come Feminists Arts, Giants of the Arts e Visual and Media Literacy in diverse università. Ha tenuto un TED talk intitolato Cosa vuole l'arte da te? e più recentemente è stata premiata come 'Best in Show' per il suo dipinto 'Under A Soprano Sky' all'aeroporto di Atlanta.


Barry Branker

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'Sono afroamericano e il mio socio in affari è di origini mediorientali. Ci siamo resi conto nel nostro primo incontro, che sarebbe stato meglio farsi rappresentare in un modo che non avrebbe sprecato il nostro tempo o il tempo dei potenziali clienti che non sarebbero interessati a lavorare con donne di colore. Il fatto è che ci sono molte più persone che vorranno lavorare con te per quello che sei e per quello che porti in tavola. È stata la mia esperienza che i clienti sono molto più comprensivi di quella il primo cliente che ha cercato di farmi uscire di strada perché 'pensava che fossi una governante del quartiere' quando stavo cercando di trovarla (non numerata) a casa.'

'Ci sono opportunità di sviluppo per noi che erano inesistenti quando ho iniziato. Il cambiamento deve continuare. Diversità e inclusione non sono solo parole d'ordine incisive da inserire nel sito Web di un'azienda; sono il futuro per un mondo che riflette pienamente le nostre belle differenze e contributi eccezionali.'

Barri Branker è il co-fondatore di Oltre gli interni della scatola , uno studio di interior design a servizio completo con sede a Frederick, MD e Alexandria, VA., che gestisce con la sua socia in affari, Lanna Ali-Hassan.


Lisa Turner

FrankTurner2018

'Non ho mai ricevuto razzismo fino a quando non sono entrato nel settore immobiliare, progettando case modello per i costruttori alla fine degli anni '80. Era un'industria di tutti i bianchi e nessun popolo di colore. Ci sono voluti un sacco di marketing per entrare. Ho assunto un direttore marketing afroamericano. Quando ha fatto [telefonate], i costruttori non avevano idea di cosa fossimo. Appena ci siamo incontrati di persona. le loro bocche si aprirebbero. Alcuni hanno cercato di essere gentili e di darci l'opportunità di fare offerte di lavoro e fare una presentazione, [ma] sapevamo che non ci avrebbero mai assunti. Ho dovuto cercare guida e aiuto da imprenditori di successo... Volevo sapere cosa stiamo facendo di sbagliato. Alcuni consigli erano molto franchi, come sbarazzarsi del direttore del marketing nero e far uscire una ragazza bianca. Ero così vicino a chiudere l'attività e avevo davvero bisogno di un buon lavoro. Il mio direttore del marketing e io siamo andati a Las Vegas per vendere ai costruttori. Le ho detto di rimanere in albergo mentre uscivo perché il mio colore della pelle era un po' più chiaro. Mi sono sentito male, ma all'epoca dovevamo mangiare».

Lisa Turner è la fondatrice dello studio di design con sede a Beverly Hills Ossessione interiore. Ritiene che potrebbe scrivere un libro pieno di tutte le esperienze che ha dovuto affrontare come donna di colore nell'industria del design.


Linda Hayslett

CHRISTOPHER LEE

'Mi ha aperto gli occhi quanto poco vedo le minoranze nel settore. Ho incontrato di persona solo 1 architetto afroamericano dopo 10 anni di esperienza nel settore e non ho incontrato nemmeno ingegneri, paesaggisti o appaltatori. La mia comunità non vede l'industria del design come un'opzione. L'industria del design deve prendere sul serio il nostro lavoro ed evidenziare i designer [neri] che stanno facendo passi da gigante allo stesso livello degli altri. Se ne vedremo di più, le opportunità si apriranno.'

Progettista dell'onda successiva La frenetica carriera di Linda Hayslett è iniziata nel settore della moda e dell'intrattenimento. Velocemente avanti di quasi due decenni e si è trasferita da New York a Los Angeles e ha aperto la sua azienda, LH. Disegni. Il suo lavoro è stato presentato in Elle Decor, Rue, Apartment Therapy, California Home + Design, MyDomaine e altro ancora.


Kesha Franklin

BADG

'Per molto tempo desideravo far parte di questa comunità che onestamente non mi assomigliava o non mi rappresentava. Non credo che i designer/creativi neri cerchino un sussidio o desiderino essere inclusi per rispettare una quota o mostrare qualche segno di buona fede. È tempo di ammettere che la ricca cultura dell'esperienza nera è stata esclusa dalla nostra amata comunità di design. Spero una volta per tutte che il lavoro parli da solo e che la diversità possa essere davvero rispettata e celebrata.'

Kesha Franklin è la fondatrice dello studio di design Interni Halden. È un'alunna di Goldman Sachs 10.000 Small Businesses ed è stata nominata Designer to Watch dal Black Interior Designer's Network. Il suo lavoro è stato presentato in Elle Decor, Dwell Magazine, Open House di NBC, AD PRO, Business of Home, ARRAY Magazine e altro ancora.



Lorna Gross

Angie Seckinger

'Creativamente, questa è una professione molto gratificante. Tuttavia, questo può anche essere un affare difficile per il designer d'interni Black di fascia alta perché non beneficiamo delle connessioni storiche come potrebbero fare altri. In questa attività molto personale, spesso non abbiamo la cerchia delle relazioni. Dai country club alle pubblicazioni di riviste, le barriere sono consciamente e inconsciamente sistemiche e spesso influiscono sulla nostra capacità di esporre gli altri al nostro lavoro. Cerchiamo di contrastarlo operando ad un altissimo livello di eccellenza ma periodicamente possiamo esaurirci per il peso'.

Lorna Gross è una designer con sede a Washington, D.C. che lavora nel design residenziale e alberghiero di fascia alta ed è specializzata in soluzioni personalizzate per i suoi clienti.


Linda Allen

BADG

'Ho sempre sentito di aver bisogno di 'super-riuscire' per essere notato e accettato come pari nel settore dell'interior design. Quando giro le pagine delle riviste più importanti, so che i miei progetti e la mia esperienza soddisfano gli standard, anche se potrei non essere in essi. Non saprò mai davvero se il colore della mia pelle avrebbe fatto la differenza nel modo in cui sono stato percepito mentre ricevevo un progetto di design di lusso, o quanto supporto ho ricevuto sulla mia linea di prodotti: questo è l'enigma. So solo lottare per l'eccellenza. Se cado, mi rialzo e vado avanti, perché amo quello che faccio e so che il mio lavoro può giovare agli altri. Ecco quanto sono resiliente.'

Linda Allen è una designer ed esperta di illuminazione con sede a Las Vegas che gestisce Disegni di Linda Allen e Live Anywhere Illuminazione. Durante la sua carriera, ha lavorato a numerosi progetti di alto profilo come la progettazione di lampade a tema narrativo per Tokyo Disney Seas e Disney's California Adventure, oltre a lavorare negli uffici di Magic Johnson.


Jack Travis

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'La prima volta che ho visto un architetto nero, ero al terzo o quarto anno del programma BArch presso l'Arizona State University, nel 1973 o giù di lì. Lo odiavo. Cresciuto a Las Vegas, Nevada, nella parte occidentale della comunità nera, non mi ha dato l'opportunità di incontrare o conoscere nessuno che mi somigliasse, [o] volesse essere un designer ambientale. Inutile dire che a scuola di design ho faticato, inutilmente. I bambini hanno bisogno di vedere volti che assomiglino ai loro in posizioni di autorità, protezione e nella creazione e nel mantenimento delle comunità in cui vivono e crescono. Sia la nostra società in generale che questa professione hanno una lunga strada da percorrere.'

Jack Travis è professore a contratto presso il Pratt Institute e il Fashion Institute of Technology. Ha lavorato a diversi progetti di interni residenziali per clienti come Spike Lee, Wesley Snipes e John Saunders. Ha anche lavorato con clienti commerciali e al dettaglio come Giorgio Armani SPA, Cashmere Cashmere di New York, così come la famiglia Sbarro delle famose pizzerie.


Delia kenza

Craig BarrittGetty Images

'Come designer, avere visibilità è inestimabile. La pubblicità può creare più opportunità. Avere finestre su piattaforme, credo non solo sia vantaggioso per me, ma esponga anche gli altri a diverse prospettive di progettazione e renda la conversazione sul design più potente e arricchente. Ho avuto la fortuna di avere l'opportunità di essere presente nelle pubblicazioni, ma c'è anche la necessità e più spazio per i designer neri di essere presenti e invitati a partecipare a una più ampia varietà e un maggior numero di pubblicazioni ed eventi. Come dico sempre, un buon design è un buon design, [ma] possiamo fare di meglio.'

Delia kenza è un designer d'interni con sede a Brooklyn e attuale co-conduttore di Quibi's Barkitecture . La passione di Kenza per il design è stata fortemente influenzata da sua nonna, una sarta, che 'era elegante in tutto ciò che faceva, in tutto ciò che indossava e nel modo in cui viveva'. Il lavoro di Kenza è stato presentato in Rivista di New York e Brownstoner, così come su HGTV e Open House New York.


Valerie Louis

BADG

'Ho passato tutta la mia vita ad apprezzare tessuti e carte da parati di altre culture, eppure non mi riconoscevo in loro. Pensavo fosse la norma, finché un giorno ho deciso che non andava bene. La nostra arte è importante e dovrebbe essere apprezzata. Dovrebbe essere un'opzione nell'arredamento della casa, in linea con Chinoiseries, Toile de Jouy, ecc. Ti invito a uscire dalla norma e sperimentare ciò che è stato lì per molto tempo. Invitalo nel tuo spazio, apprezzane il valore e l'originalità e scoprirai noi e anche te stesso.'

Valérie Louis è la fondatrice di Yael & Valerie, un'azienda di design che prende il nome da lei e da sua figlia adolescente, ispirata e gestita da donne ad Haiti. L'azienda crea tessuti, carte da parati e accessori per la casa che rappresentano donne importanti nel corso della storia, dalle regine africane ai combattenti della resistenza haitiana e ai manifestanti americani.


Eneia White

Travis Houze Photography

'Trascorrere la prima metà della mia carriera lavorando in aziende residenziali di fascia alta ha plasmato il tipo di mobili e fornitori da cui sono abituato a rifornirmi per i progetti. Ma quando uscivo da solo, senza il supporto di un nome grande o noto, i rappresentanti e gli showroom spesso davano per scontato che non avessi clienti che potessero permettersi la loro linea. Mi indirizzerebbero in un segmento 'più conveniente' delle loro offerte o arriverebbero al punto di non rispondere affatto alle richieste. Vorrei spingere con un sorriso e confermare che sono in grado di fare acquisti in una fascia di prezzo più alta e che i miei clienti dipendono da me per portare loro prodotti e tessuti di qualità. L'approvvigionamento di mobili e materiali è una delle mie parti preferite del processo di progettazione, ma lo stress aggiuntivo di lavorare con fornitori e showroom a volte mette un freno alla mia creatività. Non vedo l'ora che arrivino i giorni in cui non dovrò combattere così tanto per 'dare loro' i miei affari.'

Eneia White è una designer d'interni del Queens, a New York, e possiede la sua ditta, Interni Eneia Bianco. Oltre al suo lavoro di progettazione (a grandezza naturale), le piace anche costruire e collezionare case delle bambole: puoi dare un'occhiata alla sua casa delle bambole per la nostra serie Dollhouse Beautiful qui.


Byron Risdon

BADG

'All'inizio della mia carriera ho avuto la fortuna di lavorare con designer che hanno apprezzato i miei contributi e si sono presi il tempo necessario per incoraggiare la mia crescita e il mio sviluppo nonostante il colore della mia pelle. Tuttavia, è stato fuori dall'ufficio che troppo spesso sono stato scambiato per un fattorino, mi è stato chiesto di utilizzare l'ingresso di servizio o mi sono rivolto sguardi sorpresi quando presentavo il mio portfolio. I designer neri appartengono agli stessi spazi delle nostre controparti bianche e i nostri punti di vista e prospettive dovrebbero essere ricercati e celebrati allo stesso modo. Questo è il motivo per cui organizzazioni come BADG sono così importanti. BADG ha creato una piattaforma per evidenziare i nostri contributi alla comunità del design. Anche se ho fatto grandi passi avanti in questo settore, non è stato senza un certo livello di pregiudizio, sia sottile che palese.'

Byron Risdon è il proprietario di Byron Risdon LLC, una boutique di interior design a servizio completo a Washington, D.C., che offre servizi residenziali e commerciali. Risdon afferma che il suo stile deriva dal suo amore per i viaggi e gli interni che ha visto in giro per il mondo.


Ospite Rasheba Green

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'La mia esperienza come designer in questo settore è spesso conflittuale. Avendo una clientela diversificata, ho visto il divario finanziario tra le famiglie bianche e le famiglie di colore. I clienti neri spesso hanno molto meno da spendere per la propria casa rispetto ai loro colleghi bianchi, anche se hanno gli stessi livelli di istruzione e posizioni. È sorprendente vedere stili di vita così diversi tra sfondi così sorprendentemente simili. Quando i neri riescono ad accumulare ricchezza, sono spesso bersaglio di pratiche sleali che mirano a sottrargliela. La mia esperienza in questo settore mi ha reso profondamente consapevole degli stili di vita molto diversi e dell'ingiustizia finanziaria che alimenta il divario razziale in questo paese.'

Tamu Rasheba Green è il proprietario di Interni Lux Pad a New York City, uno studio di design basato su soluzioni.


Sheryl McLean

Doug Ellis

'Voglio che le persone sappiano che gli interior designer neri portano una pletora di esperienze e punti di vista diversi a progetti che la comunità del design tradizionale ha spesso scartato. C'è stata la convinzione prevalente che gli interior designer neri creino solo design neri o 'etnici'. Eppure gli interior designer neri vengono formati nelle stesse scuole di design dei loro colleghi caucasici. Ho scoperto che quando mi è stata data la possibilità di progettare dal mio punto di vista, un designer afroamericano esperto e viaggiato, la comunità del design ne ha beneficiato.'

Sheryl McLean è il presidente e fondatore di un'azienda di design a servizio completo, McLean e Tircuit LLC. Ha lavorato su residenze contemporanee, alloggi plurifamiliari (inclusi istituti per anziani), nonché studi professionali e medici.


Michel Smith Boyd

Tomas Espinoza

'I designer e gli artisti neri che conosco non sono alla ricerca di elemosine: siamo oltre il talento. Semplicemente non accetteremo più che quei talenti vengano ignorati sulla base del razzismo o dei pregiudizi sistemici. Le nostre controparti bianche hanno più accesso e vengono concesse migliori opportunità. Quella verità si applica e si è applicata a ogni posizione, in ogni settore, nel corso della storia. Ci siamo guadagnati il ​​nostro spazio. I neri hanno trovato modi per sopravvivere e prosperare, con le proverbiali 'ginocchia sul collo' dal nostro arrivo.'

Michel Smith Boyd è un designer d'interni e protagonista dello spettacolo di successo Bravo, L'acquisto alla cieca. La sua azienda con sede ad Atlanta, Interni di Michel Smith Boyd, è noto per la firma, lo stile sontuoso di Michel, che è stato descritto in Elle Décor, Casa tradizionale, Vogue, Veranda, Ebano, The Washington Post, e altro ancora.


Alana fragile

Leigh Leppert

'Sono entrato nel settore dell'interior design in un momento in cui i mezzi digitali, come podcast, webinar, blog e gruppi di Facebook hanno davvero aperto questo mondo a nuovi designer. Sono stato in grado di cercare semplicemente online per ottenere ciò di cui avevo bisogno per costruire e far crescere la mia attività. Sono così grato per organizzazioni come la Black Artists + Designers Guild. La loro directory online di artigiani neri offre alle pubblicazioni e ad altri leader del settore un accesso simile alla ricerca online per trovare nuovi talenti da presentare per far crescere il settore.'

Alana Frailey è la proprietaria di un'azienda di servizi completi con sede a Houston, Alana Frailey Interior Design e un membro attivo della Gilda BAD.


Laura Hodges

Amy Lombardo

'La mia esperienza nel settore è stata complessivamente buona, ma vorrei che ci fosse una rappresentazione più diversificata dei designer nella sfera pubblica. Quando ho iniziato a studiare design, raramente ho visto designer di colore su riviste, fiere o come relatori a eventi commerciali. Una volta che ho iniziato a guardare più in profondità, sono stato felicemente sorpreso di scoprire che ci sono, in effetti, molti designer del colore di grande talento e molte organizzazioni come BADG che stanno facendo molto per aumentare le opportunità e la visibilità del nostro lavoro. Penso che sia importante non solo per il pubblico in generale vedere il nostro lavoro, ma anche per i giovani di colore vedere opportunità per se stessi e vedere che questo è un settore che li abbraccerebbe.'

La designer di Next Wave Laura Hodges è appassionata di viaggi e sostenibilità. Lei è la proprietaria di Studio Laura Hodges, così come Dominio , il suo negozio fisico a Baltimora, che vende articoli fatti a mano di provenienza locale che aiuteranno gli acquirenti a incorporare il tipo di look raccolto mostrato nei suoi interni.


Jomo Tariku

BADG

'Come giovane designer industriale interessato alla creazione di mobili africani moderni, mi mancavano le connessioni e il supporto finanziario per produrre lo stile e la qualità che volevo. Frustrato, sono uscito dal settore. Avanti veloce fino al 2018, quando, grazie ai social media, creativi con idee simili si sono riuniti per formare la Black Artists + Designers Guild. Supportato da questa rete, ho recentemente ricominciato il mio lavoro di progettazione di mobili. Rimangono ancora sfide molto impegnative e i media popolari dei rifugi non hanno espresso interesse per il tipo di lavoro che svolgo, anche se di solito ricevo interviste o richieste di informazioni durante il Black History Month o per eventi specifici sulla diversità. È importante vedere i designer neri rappresentati invece dei designer eurocentrici che espongono opere copiate o prese in prestito dalle culture nere.'

Jomo Tariku è un designer di mobili etiope nato in Kenya, con sede in Virginia e fondatore di and Mobili Jomo , che vende pezzi scultorei in legno ispirati all'eredità africana.

tipi di progetti di casa

Nina Blair

BADG

'Vivo e lavoro a TriBeCa e a volte sono stato scambiato per il personale delle pulizie o una tata mentre visitavo i luoghi di lavoro (al punto che una volta mi è stato consegnato un bambino). Ma devo sempre mantenere in qualche modo la mia professionalità in modo da non perpetuare lo stereotipo e semplicemente portare a termine il lavoro. Ho dovuto scendere a compromessi sulla negoziazione delle tariffe in passato; A volte ho sentito che le persone spesso non considerano il mio valore alla pari dei designer bianchi. Quando mi esprimo e pretendo standard elevati, mi è stato detto che sono aggressivo o difficile, perché le persone si adattano facilmente allo stereotipo della donna nera arrabbiata in un modo che non farebbero mai con uno stilista bianco, che semplicemente ha 'standard elevati'.

Nina Barnieh-Blair è la principale e direttrice creativa di NinaBDesign a New York City, dove crea interni caldi e moderni.


Kiyonda Powell

BADG

'Ho lavorato per uno studio di design dove ero l'unica persona di colore per la maggior parte del mio tempo lì. Alcune affermazioni mi sono state dette come 'cerca di abbassare i toni per questo incontro' o 'vai a essere cattivo con quel venditore e vedi se ti rimborsano dei soldi per quell'ordine'. Sminuivo costantemente ciò che mi veniva detto o lo scherzavo per adattarmi a una squadra che davvero non capiva me e la mia personalità unica come donna di colore. Mi ha deluso e ferito di più quando mi è stato detto che ero 'intimidatorio e minaccioso'. La mia personalità non si avvicina nemmeno lontanamente a questa descrizione: in quanto professionista di colore, ho standard elevati e desidero il meglio in termini di qualità e servizio, proprio come chiunque altro. Non capisco perché questo mi dia l'etichetta di aggressivo o intimidatorio.'

Kiyonda Powell è la Principal Designer di K iyonda Powell Design Studio, uno studio di arredamento boutique con sede a Washington D.C.


Raimondo Barbarossa

BADG

'I designer bianchi devono chiedersi se mettere una foto di se stessi nella pagina 'Informazioni' del loro sito web avrà un impatto negativo sulla loro attività? O se mostrare il loro lavoro a una fiera avrà un impatto negativo sulla loro attività perché stanno dimostrando di essere neri? La risposta è un sonoro NO. Domande come queste e innumerevoli altre affliggono le persone di colore in ogni settore, non solo nel design.'

Raymond Barberousse gestisce uno studio di design con sede a Miami Studio PGRB con sua moglie Priti Gandhi.


Tiffany Thompson

Tiffany Thompson

'Dirò che il problema schiacciante è la mancanza di rappresentanza. Ci sono incredibili designer neri là fuori e vedo spesso l'industria risciacquare e ripetere alcuni selezionati o non includerci affatto. Quella narrazione è di per sé estenuante per non vedere persone che assomigliano a me messe su piattaforme per mostrare il loro lavoro.'

Tiffany Thompson è la fondatrice di Interni Duetti, uno studio di progettazione residenziale a servizio completo a Portland, Oregon.


Danielle Fennoy

BADG

'È stato piuttosto solitario essere un designer d'interni nero a New York. Per anni ho conosciuto solo un'altra stilista nera e ci siamo incontrate solo perché ero spesso scambiata per lei in occasione di eventi e funzioni del settore. A quegli eventi del settore, non c'erano relatori neri, nessun riflettore sui prodotti su altri artigiani neri e non c'erano molti di noi presenti. Ma quando è stata fondata la Black Artist and Designers Guild, non ero più il solo a condurre la mia attività in un mercato molto ricco e in gran parte omogeneo. C'è ancora MOLTO lavoro da fare, ma ci stiamo muovendo nella giusta direzione.'

Danielle Fennoy è la fondatrice dello studio di design con sede a New York, Rinnovamento, ed è un ex Casa Bella Progettista dell'onda successiva . Fennoy è nota per i suoi spazi caldi e moderni che non mancano di colore. È stata vista negli spettacoli HGTVTV Bang per il tuo dollaro e Il mio posto preferito.


Ariene Bethea

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'L'elenco dei migliori neri... non può essere solo durante il mese della storia nera. Questo è tokenismo. Non fraintendetemi, queste liste sono importanti per aiutare i produttori e le agenzie di stampa a trovare e scoprire i talenti neri, ma dobbiamo anche essere in liste che non sono esclusivamente per i neri.'

Ariene Bethea è la fondatrice di Studio degli interni dello spogliatoio, per boutique di arredamento vintage per la casa in North Carolina.


Nicole White

Nicole White

'È preoccupante che le pubblicazioni di settore cerchino di mettere in luce il lavoro di designer/creativi neri di grande talento solo in risposta a una crisi. Questo deve finire.
Abbiamo lo stesso calibro di clienti come i nostri coetanei bianchi, lo stesso talento o più e tuttavia non siamo abitualmente ricercati per presentare i nostri progetti, oltre il Black History Month. Per fare veramente un cambiamento, gli editori devono fare consapevolmente lo sforzo di diversificare i progetti presentati. È facile come passare cinque minuti su Instagram o su qualsiasi piattaforma di social media. Siamo molto visibili e tuttavia troppo spesso trascurati.'

Nicole White è il presidente e il principale designer di Nicole White Disegni, con sede in Florida.


Nile Johnson

Questo contenuto è importato da Instagram. Potresti essere in grado di trovare lo stesso contenuto in un altro formato, o potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni, sul loro sito web. Vedi su Instagram

'Ho un Bachelor of Science in Interior Design, così come un Master of Science in Interior Architecture & Research. Ma trovo che come interior designer nero, sto lavorando di più in ogni singolo aspetto della mia attività per essere visto. Non mi dispiace il lavoro, perché il design è la mia passione, e ne avvantaggia i miei clienti. Tuttavia, non trovo che le stesse opportunità (show house, tavole rotonde, ecc.) si presentino regolarmente o facilmente come per le mie controparti bianche. E non è per dire che non abbiano talento, perché lo sono, e sono tremendamente ispirato da molti di loro. tuttavia Anch'io ho qualcosa di grande da dare. Ma è difficile farlo quando non solo ti viene rifiutato un posto a tavola, ma ti escludi tutti insieme dalla festa».

Nile Johnson è nato e cresciuto a Baltimora, MD, ed è il preside di Nile Johnson Interior Design. Il suo lavoro è stato presentato su HGTV e su pubblicazioni nazionali e locali.


Dana M. Baugh

BADG

'Credo che il buon design sia universale. Credo che prospettive diverse e diverse siano necessarie e debbano essere mostrate. È per me un grande piacere poter condividere la mia prospettiva della cultura giamaicana in una forma tangibile. Adoro quando si connette con persone di tutto il mondo e porta gioia nelle loro vite. Sebbene ci siano diverse sfide per realizzare i propri prodotti in Giamaica, come la mancanza del supporto e della struttura necessari per la produzione e l'e-commerce; la mia esperienza complessiva è stata utile e gratificante.'

Dana M. Baugh è la proprietaria di Jamacia-based BAUGHaus Design Studio . Lo studio è noto per le sue ceramiche fatte a mano, illuminazione, mobili e articoli per la casa progettati con un tocco caraibico. Puoi acquistare BAUGHaus Qui .


Karen J Revis

David duPuy

'Come artista che fa arte riguardo all'esperienza nera con le immagini nere, il mio lavoro è sempre etichettato come politico o mirato a un pubblico nero. L'ho sempre trovato curioso. Ho avuto un insegnante alla scuola d'arte che mi ha detto che avrei avuto successo nel mondo dell'arte solo se avessi dipinto della mia esperienza nera. Non riuscivo a immaginare da quale altra esperienza avrei potuto dipingere. Come se le mie esperienze non fossero universali».

Karen J. Revis è un'artista con sede a New York City e proprietaria di Karen J. Revis Studio. È nota per le sue monostampe astratte, Stampe di revisione .


Leslie Rinehardt e Marvin Miller

BADG

'La nostra esperienza è stata che, sebbene sappiamo che ci sono molti talentuosi designer del colore in questo settore, riteniamo di essere stati ampiamente trascurati e non supportati, a causa dell'ovvia mancanza di rappresentanza nelle pubblicazioni dei rifugi e in altri formati multimediali. Sembra che l'industria abbia storicamente abbracciato l'omogeneità rispetto alla diversità e all'inclusività e che questa mancanza di rappresentanza abbia reso difficile ottenere l'esposizione a una clientela più ampia. Perché amiamo assolutamente quello che facciamo... siamo ottimisti per il cambiamento!'

Gli amici di vecchia data Leslie Rinehardt e Marvin Miller corrono Rinehardt | Miller & Co, un'impresa di progettazione e direzione lavori situata nel New Jersey.

Scrittore di notizie Kelly è la scrittrice di notizie presso House Beautiful, dove si occupa di un po' di tutto, dalle tendenze della decorazione ai prodotti must-have, a tutto ciò che include ciambelle o glitter.Questo contenuto viene creato e gestito da una terza parte e importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire i propri indirizzi e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili su piano.io Pubblicità - Continua a leggere sotto

Articoli Interessanti